Menu Chiudi

Buddy Rich Tapes, the drum wonder dal carattere impossibile

 Pari alla sua tecnica sul rullante, la fama del brutto carattere di Buddy Rich è leggendaria. Numerosi sono gli aneddoti legati alla sua personalità rude e molto aggressiva.

Nel libro Drummin’ Men: The Heartbeat of Jazz The Bebop Years di Korall Burt si racconta un episodio con il batterista John Robinson testimone. A Buddy Rich non piacquero i complimenti che la stampa faceva a Max Roach per il suo lavoro con Charlie Parker. Alcuni critici si erano spinti a dire che Roach era il miglior batterista in assoluto. Un giorno Roach e Robinson erano in giro a piedi per NEw York, quando Buddy Rich a bordo di una lussuosa decappottabile con a fianco una bellissima ragazza li affiancò e gli disse “Hey Max, chi è il migliore adesso?”.

Ma sicuramente uno degli episodi più celebri del brutto carattere di Buddy Rich è testimoniato dalle famosissime “Buddy Rich tapes“. Questi audio vennero ripresi di nascosto tra il 1983 ed il 1985, quando Buddy Rich aveva 64/66 anni, poco prima della morte del batterista americano avvenuta nel 1987.

Rese immediatamente popolari presso la stampa, fecero rapidamente il giro del mondo, causando non pochi imbarazzi al batterista stesso. Nelle ultime interviste rilasciate, compariva sempre qualche domanda riguardanti quelle registrazioni che lo dipingevano come arrogante, presuntuoso e assai aggressivo e poco rispettoso verso i suoi orchestrali.

Il suo biografo ufficiale racconta che il giorno prima di morire, Buddy Rich chiese come ultimo desiderio di poter riascoltare quelle registrazioni. Mel Tormè si rifiutò, ma come gesto di omaggio a quella ultima chiacchierata pubblicò parte delle famose registrazioni.


 

Traduzione in italiano del primo audio
“I don’t give a fuck what you hear”

Traduzione in italiano del secondo audio
“All I hear is noise”

Traduzione in italiano del terzo audio
“You motherfuckers are suckin’ all over this joint”

Traduzione in italiano del quarto audio
“No more fuckin’ beards”

Le Buddy Rich Tapes nella cultura di massa

Come detto prima queste registrazioni divennero rapidamente di dominio pubblico e estratti di esse divennero degli autentici tormentoni anche dopo la morte di Buddy Rich.

Seinfeld

Beastie boys – Sabotage
“I’m Buddy Rich when I fly off the handle”

I vari video su Youtube


 

Il ricordo di Dave Panichi

Leggi anche il mio articolo dedicato a Gene Krupa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi