fbpx
Menu Chiudi

Caxixi, un cestino in vimini tra berimbau e capoeira

Condividi e seguici anche su:

Il caxixi è uno strumento a percussione di origine africana e successivamente arrivato in Brasile. Per il suo caratteristico suono fragoroso, in origine il caxixi era usato per richiamare la presenza degli spiriti buoni e per spaventare e mandare lontano quelli malvagi.

Come è fatto il caxixi

Caratterizzato da una forma particolare, si tratta di una cesta di vimini intrecciata. All’interno di questa cesta troviamo solitamente semi o conchiglie che col movimento, si scontrano contro le pareti e generano la percussione.

Così come anche il wassakhoumba, la parte rigida che costituisce la base, è tradizionalmente costituita da una zucca essiccata. A seconda di dove i semi colpiscono il caxixi, i vimini o la base di zucca, il caxixi genera suoni ben distinti: orientando il caxixi solo sul lato dei vimini, produce un suono simile a quello di uno shaker, ma differenziandosi con sonorità meno aggressive; colpendo invece con i semi il lato della zucca, si ottiene un suono più secco e più alto di volume.

Il caxixi nella musica brasiliana

Probabilmente arrivato in Sud America negli anni della tratta degli schiavi, il caxixi ha rapidamente trovato in Brasile una nuova patria.

Generalmente troviamo questa percussione nelle mani dei suonatori di berimbau.

Condividi e seguici anche su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi